FRI-Tur 2024

Il Ministero del Turismo ha recentemente lanciato il bando FRI-Tur 2024, un’iniziativa fondamentale per le piccole e medie imprese del settore turistico, con un focus particolare sulle attività di charter. Questo bando, gestito da Invitalia sotto la supervisione del Ministero del Turismo e previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), mette a disposizione 780 milioni di euro, con ulteriori 600 milioni di finanziamenti bancari, per migliorare l’ospitalità e potenziare le strutture in un’ottica di sostenibilità ambientale e digitalizzazione.

Perché il FRI-Tur 2024 è importante per le attività di charter?

Le attività di charter, che comprendono noleggio di imbarcazioni e servizi correlati, rappresentano un segmento cruciale del settore turistico, specialmente in Italia, dove il turismo marittimo e costiero ha un ruolo preminente. Il bando FRI-Tur 2024 offre un’opportunità unica per queste imprese di innovare, migliorare la propria offerta e incrementare l’efficienza energetica delle loro operazioni.

A Chi è rivolto il bando FRI-Tur?

Il bando FRI-Tur 2024 si rivolge a una vasta gamma di imprese turistiche, inclusi:

  • Alberghi
  • Agriturismi
  • Strutture ricettive all’aria aperta
  • Imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale
  • Stabilimenti balneari
  • Complessi termali
  • Porti turistici
  • Parchi tematici, inclusi quelli acquatici e faunistici

Le imprese devono gestire attività ricettive o di servizio turistico in immobili di terzi o di loro proprietà, con un contratto registrato che attesti questa gestione.

Interventi finanziabili con FRI-Tur

Il bando FRI-Tur finanzia una serie di interventi mirati a migliorare l’efficienza energetica, la sicurezza e la modernizzazione delle strutture turistiche, inclusi i servizi di charter. Gli interventi agevolati comprendono:

  • Efficientamento energetico delle strutture
  • Riqualificazione antisismica
  • Eliminazione delle barriere architettoniche
  • Manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia
  • Realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature per attività termali (solo per gli stabilimenti termali)
  • Digitalizzazione
  • Acquisto o rinnovo di arredi

Per quanto riguarda le attività di charter, gli interventi possono includere l’acquisto di nuove imbarcazioni a basso impatto ambientale, la modernizzazione della flotta esistente con tecnologie più efficienti e sostenibili, e l’implementazione di sistemi digitali per migliorare la gestione e l’offerta di servizi.

Le agevolazioni previste da FRI-Tur

Gli investimenti finanziabili devono avere un importo compreso tra 500.000 e 10 milioni di euro. Le imprese possono accedere a due forme principali di agevolazione:

  1. Contributo diretto alla spesa: fino al 35% dell’investimento
  2. Finanziamento agevolato: concesso da Cassa Depositi e Prestiti ad un tasso nominale annuo pari allo 0,50%, con una durata compresa tra 4 e 15 anni, comprensiva di un periodo di preammortamento della durata massima di 3 anni

Il finanziamento agevolato deve essere abbinato a un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata. La somma del finanziamento agevolato, del finanziamento bancario e del contributo diretto alla spesa non può superare il 100% del programma ammissibile.

Come partecipare al bando FRI-Tur 2024

Le domande per partecipare al bando FRI-Tur 2024 possono essere presentate dalle ore 12:00 del 1° luglio 2024 alle ore 12:00 del 31 luglio 2024. A partire dalle ore 12:00 del 30 maggio 2024, è possibile scaricare la documentazione necessaria dal sito di Invitalia. È fondamentale seguire attentamente le istruzioni fornite nell’avviso n. 13142, pubblicato l’11 maggio 2024, che contiene tutte le informazioni sui beneficiari, gli interventi finanziabili, gli importi e i tetti di spesa.

Focus sulle attività di charter

Le attività di charter possono beneficiare in modo significativo delle agevolazioni previste dal bando FRI-Tur 2024. Il settore del noleggio di imbarcazioni, infatti, può sfruttare questi finanziamenti per:

  1. Modernizzare la flotta: Acquisto di nuove imbarcazioni ecologiche e dotate di tecnologie avanzate per il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni.
  2. Digitalizzazione dei servizi: Implementazione di sistemi di prenotazione online, gestione delle flotte e servizi digitali per migliorare l’esperienza del cliente.
  3. Riqualificazione delle strutture portuali: Interventi di miglioramento delle infrastrutture portuali per rendere più efficiente e sostenibile l’accoglienza delle imbarcazioni.
  4. Formazione del personale: Investimenti in programmi di formazione per il personale al fine di migliorare le competenze e l’offerta di servizi ai clienti.

Conclusione

Il bando FRI-Tur 2024 rappresenta un’opportunità unica per le imprese del settore charter di innovare e migliorare la loro offerta in un’ottica di sostenibilità e modernizzazione. Con una dotazione finanziaria complessiva di 1,38 miliardi di euro, questo bando offre un supporto concreto per interventi di riqualificazione energetica, digitalizzazione e miglioramento strutturale.

Studio Di Muro & Partners è a disposizione per fornire assistenza nella preparazione della domanda e guidarvi nel processo per massimizzare le vostre possibilità di successo. Non perdete questa occasione per far crescere la vostra attività di charter e contribuire alla sostenibilità del turismo in Italia.

Via Ponte Mileo, n. 107 | 84096 Montecorvino Rovella (SA) | Tel. 089 863052 | Fax. 089 8021142 | Email: info@studiodimuro.com | Sito: studiodimuro.com

Tags Categorie Bandi
+39 089 863 052